Madshift

scroll down

Modern Rally Hachiroku

Lo schieramento di auto lungo la pit lane dell'Autodromo Nazionale di Monza è stracolmo di vetture da rally, tutte in attesa della partenza del Monza Rally Show.
Ma cosa ci fa una Toyota GT86 tra le auto partecipanti?

Rimango un po' stupito nel vederla per la prima volta nonostante fossi a conoscenza di una versione rallystica della 86, ma non avevo mai approfondito l'argomento e sinceramente non mi sarei mai aspettato di vederne una iscritta alla manifestazione. Amo le auto giapponesi e sono molto incuriosito da questa inusuale auto da rally, così mentre tutto il pubblico assiste ai primi passaggi della giornata, ho campo libero per dedicarmi a questa speciale 86.

 

Per la precisione, si tratta della Toyota 86 CS-R3 ed è omologata per competere appunto nel gruppo R3C, categoria recentemente oggetto di importanti cambiamenti regolamentari. Se un tempo venivano ammesse esclusivamente auto a trazione anteriore, ora è permesso partecipare alle competizioni anche con vetture a trazione posteriore. Ecco quindi la mossa controcorrente di Toyota.

 

La potenza generata dal motore boxer 2.0 aspirato viene trasmessa alle ruote posteriori. Un ritorno alle vecchie tradizioni, sono passati decenni ormai dall'ultima apparizione di un'auto da rally a trazione posteriore.

Il livello di potenza per la versione R3 della sportiva giapponese sale a quota 232 cv e 235 Nm di coppia, dati leggermente superiori alla versione stradale, mentre la trasmissione originale è stata sostituita da un cambio sequenziale a sei rapporti.

In quanti avrebbero mai immaginato che la piccola coupè di casa Toyota potesse trasformarsi in una vettura da rally? Siamo abituati a vederla come auto sportiva, ambita da molti appassionati ed elaboratori, eppure se Toyota ha deciso di puntare sulla 86 per approdare nella sempre più emergente categoria R3, vuol dire che quest'auto ha un potenziale nascosto che in pochi conosciamo. Mi piace definirla come una compagna di avventure della nuova Yaris WRC.

BONUS PICTURES

                              

                              

Testo: Davide Dolce
Foto: Davide Dolce

tags:
Back to Top