Madshift

scroll down

Seat Leon Cupra ST: A Cosa Servono Le Station Wagon?

A correre in pista. Certo, sono molto comode anche per andare a fare la spesa, per portare i figli a scuola, oppure per cimentarsi in un viaggio con la famiglia, ma anche tra i cordoli possono dimostrarsi ben adatte.

E' il caso della Seat Leon Cupra ST protagonista del Campionato Italiano Turismo schierata da Seat Motorsport Italia a dimostrazione del fatto che anche le station wagon possono avere un carattere da corsa. Si potrebbe pensare che sì, sarà anche una station, ma chissà quali modifiche le sono state apportate per trasformarla in un'auto da gara... E invece non è proprio così.

 

Perché questa Leon ST è conforme al regolamento TCS, categoria in cui sono ammesse auto strettamente derivate dalla serie permettendo di intervenire meccanicamente in forma molto limitata. A prima vista questa Leon può sembrare a tutti gli effetti uguale al modello stradale, ma avvicinandosi all'auto ci si accorge che in effetti, non proprio tutto è di serie...

 

Se esteticamente nulla è cambiato dalla versione stradale, di certo non si può dire lo stesso per gli interni. Volante e strumentazione di serie possono anche rimanere al loro posto, ma via i sedili dei passeggeri e tutti i rivestimenti per dare spazio ad un Roll Barr e ad un sedile racing, il tutto a vantaggio di performance e sicurezza. In pista il comfort cittadino non è proprio necessario.

Ed è impossibile non notare l'impianto frenante, sia guardando l'auto da ferma che in movimento. Quando la si incontra parcheggiata nei paddock e si notano i freni si capisce che forse, il modello nel concessionario, non ha esattamente gli stessi dischi di quelle dimensioni. Guardando l'auto correre in pista invece... si rimane semplicemente stupiti. Non è da tutti i giorni vedere una station wagon a dischi rossi in staccata.

Dalle tribune, l'impressione che si ha nel vedere la Leon Cupra ST è quella di un'auto molto composta in percorrenza curva, con una frenata decisa e un'ottima ripresa. Queste sono tutte percezioni visive, semplici ipotesi da spettatore, ma se Seat grazie alle sue Leon e ai suoi piloti Alberto Bassi e Peter Wyhinny è riuscita a conquistare la prima e la seconda posizione nella categoria TCS del Campionato Italiano Turismo, probabilmente queste sensazioni hanno un fondo di verità...

 

La Leon Cupra ST TCS potrà sembrare semplice, probabilmente per alcuni bizzarra, ma questa Seat ha poco da scherzare perché in pista se la sa cavare davvero. Forse è proprio la semplicità mista alle sue forme da familiare a caratterizzare e rendere particolare quest'auto nel mondo del motorsport. Anche le station wagon possono avere uno spirito competitivo. E vincente.

Testo: Davide Dolce
Foto: Davide Dolce

tags:
Back to Top