Madshift

scroll down

Renault Clio Williams: Petite Française Dall'Anima British [GALLERY]

E' il 1992, Williams vince il mondiale di Formula 1 imponendosi nella maggior parte dei gran premi disputati, dimostrando al mondo intero la superiorità delle proprie vetture con soluzioni tecniche mai sperimentate prima. Con Williams vince anche Renault che, grazie alle sue motorizzazioni, ha contribuito alla squadra inglese il successo nel campionato automobilistico per eccellenza.
Per celebrare la conquista del mondiale F1, gli ingegneri della celebre squadra inglese e quelli della casa francese decidono insieme di proporre agli appassionati una vettura dalle piccole proporzioni, ma in grado di far divertire ed entusiasmare come poche all'epoca.

 

Per una sera, il team di Madshift è tornato indietro nel tempo, più di preciso nel 1993, per scoprire da vicino la Renault Clio Williams. Un'esemplare fedele alle sue condizioni originali, maniacalmente mantenuto. Merito dell'affetto di Ferdinando che ha deciso di affidarla alla TwentyTwo Factory di Gioacchino per farla ritornare ai fasti lucenti dell'epoca grazie alle minuziose cure di car detailing. Due amici legati dalla grandissima passione per la Clio Williams.

 

Si tratta dell'esemplare N° 6497 come riportato dalla targhetta dedicata posta nell'abitacolo ad indicare la seconda generazione di Williams, una delle 12100 costruite nell'arco delle tre serie prodotte. E pensare che inizialmente la Clio Williams venne concepita come auto a tiratura limitata: solo 2500 esemplari sarebbero dovuti uscire dallo stabilimento, il minimo richiesto dalla FIA per le omologazioni Gruppo A e N. Ma la richiesta della clientela fu talmente forte che Renault si vide costretta a prolungare la produzione creando alla fine qualcosa come 9600 esemplari in più rispetto ai progetti di vendita iniziali.
Nonostante questo inaspettato successo di vendite, per ogni singola serie vennero mantenuti degli standard di autenticità per renderle comunque uniche tra loro. Le prime due serie (1993-1994 la prima, 1995-1996 la seconda) vennero numerate, mentre per l'ultima serie (quella con il minor numero di esemplari) venne modificata la vernice cambiando tonalità di blu installando inoltre il sistema ABS, perdendo però la numerazione.

 

L'abbinamento vernice blu e cerchi oro Speedline (con canale aumentato di 1/2 pollice grazie alla carreggiata allargata di 3 cm) ha reso celebre il lineamento estetico della Clio Williams, carattere distintivo rispetto a tutte le altre Clio. Colore blu che continua a spiccare anche all'interno, su tappetini e quadro strumentazione.

 

La Clio Williams non sostituisce però la 1.8, già versione sportiva della Clio, ma va a posizionarsi un gradino sopra. Ciò è dimostrato da un motore da 2000 cc di cilindrata in grado di erogare 147 cv su una massa di 990 kg, insieme a cambio e rapporti accorciati creati appositamente per la Williams. Una cubatura imponente per un'auto dalle dimensioni ridotte. Un grande motore per una vettura piccola.

 

E' passato davvero poco per vedere la Clio Williams protagonista nei rally di tutto il mondo. Con questo modello Renault è riuscita a conferire la giusta evoluzione alla Clio nel mondo dei rally, con il suo massimo sviluppo nella versione "kit car" con motore 2.0 in grado di sviluppare 280 cv, ottenendo notevoli successi in alcune uscite mondiali.
Tutto questo rende la Clio una delle auto più formidabili che si siano mai viste sui campi di gara. Pur non riuscendo mai a vincere un mondiale, è riuscita comunque ad entrare tra le vetture più riconoscibili nell'ambiente rallystico. Non c'è da stupirsi quindi se ancora oggi, a distanza di 24 anni, si trovino Clio Williams ancora in gara.

 

E' un'auto che piaceva e piace tutt'ora, anche ai giovani che molto spesso restano ancora ammaliati dal fascino della piccola Williams. Per alcuni si tratta di un'auto da sfruttare in gara, altri invece preferiscono ritenerla un pezzo da collezione. Un vero oggetto di culto, proprio come questo esemplare che abbiamo avuto l'onore di ammirare.
Sì, il team di Madshift è tornato indietro nel tempo e questa Clio Williams sembra essere appena uscita dalla fabbrica.

GALLERY

 







Un ringraziamento speciale va a Gioacchino Scognamiglio e Ferdinando Della Valle per la loro grande disponibilità.
Testo: Davide Dolce
Foto: Davide Dolce, Alberto Massara, Mauro Mazzola

 

tags:
Back to Top