Madshift

scroll down

Milano Drivers Parade: un cordiale saluto a tutti i piloti

Ci siamo. E' giunto il momento del Gran Premio d'Italia e quando la Formula 1 arriva nel nostro paese, a Milano si respira un'atmosfera diversa, quell'atmosfera che puntualmente si crea ad ogni inizio di settembre.

 

Girando per le vie della città non è raro incontrare tifosi vestiti di rosso che sventolano grandi bandiere e striscioni raffiguranti quel "famoso cavallino rampante". Squadre e sponsor animano le piazze con eventi ed esposizioni in occasione del Gran Premio ed avvistare supercar diventa più facile del solito.
Gli italiani, ma anche gli appassionati di tutto il mondo, sentono e vivono il Gran Premio di Monza come in nessun altro posto.

 

Giovedì sera è ufficialmente iniziato il weekend del GP e Piazza Castello a Milano ha ospitato l'evento inaugurale. Proprio davanti alla fontana del Castello Sforzesco, alcuni piloti protagonisti del mondiale F1 hanno incontrato i numerosi tifosi giunti all'evento.

 

Ad accompagnare i piloti lungo la sfilata attorno al Castello, alcune delle più belle e uniche auto d'epoca, tra le quali sono spiccati modelli di assoluta rarità.
Dalle Ferrari alle Bugatti, ma anche Renault e Lotus. Un'occasione quasi irripetibile dove poter vedere sì i piloti di F1, ma anche vetture quasi esclusive.


Un'Alfa Romeo Giulietta 1300 TI del '60 ed un'Alfa Romeo Giulia Super 1600 del'71 della Polizia di Stato hanno scortato l'intero corteo dei piloti. Dietro a loro, il primo pilota a sfilare davanti alla cornice di pubblico è stato Kimi Raikkonen, fortemente acclamato dalla folla, a bordo di una Ferrari 750 Monza del 1956, seguito da Antonio Giovinazzi, il giovane terzo pilota di casa Ferrari protagonista nelle prime due gare di campionato a bordo della Sauber. Per lui una Ferrari 857, una dei soli quattro esemplari costruiti.

    

A seguire, Valtteri Bottas ha salutato il pubblico a bordo di una Mercedes-Benz 300 SL Roadster del 1957, versione cabriolet dello storico modello ad "ali di gabbiano".

 

Una piccola Renault 750 Sport ha accompagnato Jolyon Palmer lungo le vie del centro, vettura di particolare effetto e che sicuramente lascia un po' stupiti, soprattutto per le sue piccole dimensioni.

 

Quindi a seguire tutti gli altri piloti presenti alla sfilata, quasi metà dello schieramento di Formula 1, come Pascal Wehrlein, Romain Grosjean, Daniil Kvjat, Carlos Sain Jr., Marcus Ericcson, Kevin Magnussen, Lance Stroll, Stoffel Vandoorne.

    

A chiudere la manifestazione, la Ferrari 250 GT/E del 1962, l'unico esemplare affidato alla Polizia Italiana dal 1963 al 1973 in dotazione alla Questura di Roma.

 

La grande folla che si è presentata alla parata dei piloti è stato un preludio del pubblico che domenica ha riempito le tribune dell'Autodromo di Monza, facendo registrare una vendita complessiva dei biglietti da record.

 

Non importa se si è appassionati o meno di Formula 1, se vivi nei dintorni di Milano, in un modo o nell'altro, vieni coinvolto dallo spirito che la F1 si porta con sé.


Testo: Davide Dolce
Foto: Davide Dolce

tags:
Back to Top