Madshift

scroll down

TAI Round 4 Misano - Team P3M

Milano, Sabato ore 12:00, primo week-end di Agosto, qualcosa come 35 gradi…

La macchina è pronta, lo zainetto e la reflex anche, io so solo che sarà impegnativa!

Dove si va? Direzione Misano Adriatico, via Daijiro Kato, per il quarto round del Time Attack Italia, ad affiancare come sempre il Team P3M presente in pista con le sue 4 vetture, la Mini di Marcello e la Punto di Patrizio, in classe Pro Limited 3, la Opel Corsa OPC di Manuel assieme alla 500 Abarth di Luca, in classe Street 3.

Questo è l’unico evento in notturna del campionato, inizio delle attività in pista previsto alle 17:00 per terminare attorno a mezzanotte.

Arrivo in circuito attorno alle 16:30, quando i nostri piloti tornano dal briefing e si preparano al primo turno libero per controllare che sulle vetture sia tutto in ordine.

Le temperature sono ancora molto elevate, si preparano le “vesciche” nelle quali mettere acqua fredda o Gatorade per reintegrare i sali minerali persi durante la guida, casco in testa e dentro a fare qualche giro di assestamento. Dopo poco ci rendiamo conto di quale impresa stiano affrontando piloti e mezzi meccanici: i primi scendono stremati dalle vetture, i secondi faticano a respirare con temperature di acqua ed olio che salgono subito a valori di allarme.

Il secondo turno si svolge verso le 8 di sera, al tramonto, ne approfitto per andare sulla tribuna dell’ultimo tornantino a scattare qualche foto con questa luce così strana per chi come me è abituato alla pista, ma non a questi orari.

  

Dopo qualche scatto torno verso il paddock dove ci si prepara per il terzo turno di prove, mentre ormai il buio è calato sul circuito e le temperature iniziano a scendere.

Tutti e 4 i piloti del team P3M decidono di entrare in pista per provare a girare in notturna e sfruttare qualche giro motore in più viste le temperature più miti. Si gira poco, tra le tante uscite di pista e alcune rotture che causano diverse bandiere rosse, poi, quando finalmente la pista viene riaperta, tutti dentro!

 

Dopo poco un’altra bandiera rossa, tutti che rientrano in pit-lane, noi dal muretto box teniamo d’occhio la situazione, facendo la conta di chi c’è e chi manca… Fermi tutti dov’è Patrizio?

Il sangue gela mentre all’ingresso della corsia box intravediamo una luce gialla che avanza lentamente e poi si spegne.

Tutto il team corre in soccorso della Punto che, con il motore ammutolito, viene spinta fuori dalla pit-lane, verso il nostro tendone. Patrizio, stremato per aver spinto la vettura verso la corsia dei box, racconta di un brutto rumore in fondo al dritto, pochi metri prima di staccare e, per non peggiorare le situazione, ha subito spento il motore fino a quando, una volta fuori dal pericolo di non essere visto dagli altri concorrenti, ha staccato la corrente per evitare inneschi pericolosi.

Purtroppo il danno al motore è grave e la sua Punto non potrà partecipare alla fase dei Superlap, dove vengono presi i tempi validi per la classifica finale.

Decido di tornare in tribuna a godermi lo spettacolo dei Superlap, una commistione di dischi freno roventi, sfiaccolate dagli scarichi e dalle westgate esterne dei turbocompressori. A motori e piloti è chiesto di dare il tutto e per tutto per questi 5 giri finali e non mancano certo errori e inconvenienti tecnici!

Vedo una 75 rossa, che corre nella stessa classe di Patrizio e Marcello, avvicinarsi piano, fa un brutto rumore, si sposta in via di fuga e appena si ferma prende fuoco improvvisamente!

Il pilota si sgancia subito dalle cinture, salta giù e prontamente aziona l’impianto estinguente della sua Alfa, limitando di molto i danni e riuscendo a domare quasi completamente il fuoco mentre i soccorsi della pista arrivano sul posto.

Passato il momento di tensione mi cimento con qualche altra foto in notturna, l’illuminazione è veramente poca, ci vuole molto più impegno del solito per riuscire a creare scatti discreti.

 

Terminata l’attività in pista con l’ultimo turno dei “mostri”, le vetture più performanti, ci si ritrova tutti sotto al podio per applaudire Marcello che con la sua Mini ha ottenuto il miglior tempo nella categoria Pro Limited 3! Ancora complimenti a lui e a tutto il team che fino ad ora hanno conquistato punteggio pieno in tutte e 4 le tappe del campionato!

Ora viene la parte più importante, ci riuniamo sotto ai tendoni del team dove tiriamo le somme della giornata e soprattutto facciamo il briefing per... la grigliata!

La serata continua fino a tardi, tra panini, risate e scherzi…forse la parte più bella di questa esperienza, perché quello che rende davvero speciale questo campionato, e soprattutto questo Team, è il clima conviviale che si respira!

Prima di un Team, il P3M è una grande famiglia di amici e appassionati, un gruppo unito in grado di ottenere ottimi risultati in pista e passare delle gran belle giornate in compagnia!

Grazie ragazzi ancora una volta per questa fantastica possibilità!

Ora però ritorno in camera, saranno le 4 di mattina... per fortuna domani un po' di mare.

GO TEAM P3M!

tags:
Back to Top